Angel Thierry Mugler piramide olfattiva e ingredienti

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Quando pronunciamo il nome di Thierry Mugler immediatamente ci viene in mente il profumo Angel, fragranza quasi paradisiaca che da sempre è sinonimo di successo.

Oggi ne analizzeremo la piramide olfattiva, le note, gli ingredienti e la composizione.

Angel è un profumo apprezzatissimo nell’universo femminile, ma anche i maschietti rimangono letteralmente folgorati dalla donna che lo indossa.

AngelprofumoUna fragranza che appena viene vaporizzata vi fa vivere delle sensazioni uniche,creato nel lontano 1992 il suo successo è da ricercare nella bravura di Oliver Cresp che l’ha inventata e da come è stata delineata la composizione della sua piramide olfattiva.

Ingredienti e composizione

Come abbiamo già accennato ciò che rende particolare questa fragranza è la sua composizione delineata da un mix di note contrastanti, seduttive, dolci, floreali e calde.

Il tutto regala un profumo persistente, importante che viene amato o odiato a seconda dei gusti e della personalità, ma vediamo come si struttura la sua piramide olfattiva:

  • Note di testa: Bergamotto e mandarino.
  • Note di cuore: Frutto della passione.angel profumo
  • Note di fondo: Cioccolato, vaniglia e patchouli.

La sua dolcezza viene sprigionata da tutte le sue note olfattive, infatti in un attimo ci fa rivivere i profumi dei dolci, delle caramelle, dello zucchero filato, miscelate ad accordi frizzanti del mandarino e seduttivi del patchouli.

Le opinioni circa questa fragranza sono un pò contrastanti in quanto visto la sua unicità e particolarità come abbiamo precedentemente accennato o lo si ama e diviene un tutt’uno con la vostra personalità, quasi come se indossaste una seconda pelle o lo si odia.

Noi vi consigliamo se non lo conoscete ancora di provarlo e vedere se è adatto a voi e alla vostra personalità.

In molti si domandano se il profumo Angel sia buono davvero, se volete togliervi la curiosità vi rimandiamo ad un nostro precendente articolo 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail