Coltivare aromi in casa

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Gli aromi e le piante aromatiche vengono spesso utilizzati nella nostra cucina e nella preparazione dei nostri piatti preferiti, è davvero semplice e divertente coltivarli da soli in casa, vediamo quindi quali aromi coltivare in vaso,sul balcone o in giardino e come fare.

Diverse sono le piante aromatiche e diverso il loro uso in campo culinario vediamo quindi nel dettaglio come coltivare quelle più importanti:

piante aromaticheRosmarino:

Per coltivare il rosmarino abbiamo bisogno di un terreno sano e asciutto, meglio se mescolato con un due terzi di sabbia, ricordiamo che può essere coltivato anche in vaso e che la sistemazione ideale è a ridosso di una parete soleggiata, al riparo dalle correnti d’aria, nei luoghi freddi  è meglio ripararlo dal gelo.

Il rosmarino viene utilizzato per arrosti e grigliate.

Rucola:

La rucola si semina in primavera in un terreno sciolto, leggermente sabbioso, ben drenato, in posizione soleggiata. Dopo 30- 40 giorni dalla semina, quando le foglie raggiungono i dieci, quindici centimeti, si tagliano al piede e la pianta rivegeta. In cucina si utilizza come insalata.

Salvia:

Si semina in primavera e le piantine si mettono a dimora all’inizio dell’estate in un terreno ben drenato, ricco e sabbioso. Nelle località dove è presente un inverno rigido è preferibile ripararla con un foglio di politene trattenuto da bastoncini.

In cucina il suo uso è diffusissimo nella preparazione di sughi, salse, carni e uova.

Ma cos’è la messa a dimora?

Naturalmente se non siete del campo vi chiederete cosa sia, in parole semplici con  l’espressione messa a dimora si intende il passaggio della pianta dal vaso al terreno.

Timo:

Si semina nei mesi di marzo- aprile, trapiantando le piantine non appearomina si possono afferrare facilmente.Richiede terreno asciutto e calcareo, posizione molto soleggiata, annaffiature scarse ma regolari.Per  conservarlo secco tagliare i rami in giugno prima della fioritura.

In cucina si usano i rametti apicali.

Origano:

L’origano si semina direttamente in terra o nel vaso in primavera o in autunno. Necessita di terreno leggero, misto a sabbia, scarse ma regolari annaffiature, posizione molto soleggiata, riparata dal vento.

In cucina è utilizzato in moltissime ricette.

Prezzemolo:

Per coltivare il prezzemolo occorre piantarlo nel periodo che va da marzo a ottobre, tenendo conto che impiega circa 30 giorni per spuntare. Richiede un terreno ricco, mantenuto costantemente umido.

Le foglie per il consumo vanno tagliate con la forbice vicino al terreno per non strappare le piantine che vegeteranno nuovamente.

In cucina è molto utilizzato soprattutto  per condire il pesce o la carne.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail