Vasino: come iniziare

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Da sempre per le mamme arriva il fatidico momento di togliere il pannolino al nostro piccolo, ci sentiamo impreparate e soprattutto non sappiamo come abituarlo al vasino, cosa fare e quando cominciare. In questo articolo vedremo come insegnare al nostro bambino ad utilizzare il vasino e come iniziare in questa impresa.

bimbo vasinoPer il bambino controllare la pipì e la cacca è quasi sempre il risultato di un lungo tirocinio dovuto alla maturazione del sistema nervoso e alla qualità del rapporto tra lui e la mamma.

A quindici mesi, il bambino è pronto per imparare a controllarsi, in molti casi ha però ancora bisogno di molti mesi.

Quando cominiciare

La prima tappa è dunque quella di provare, in genere verso i 18- 24 mesi, mettendo il bambino sul vasino, per vedere cosa succede.

E’ bene ricordare che non si può e non si deve forzare in nessun modo il bambino. Con il tempo sarà lui stesso a volerlo fare, nel frattempo la miglior cosa da fare e quella di incoraggiarlo.

E’ comunque più semplice iniziare durante l’estate, quando è facile eseguire più cambi di biancheria e quando l’abbigliamento è ridotto all’essenziale. Cercate di capire quando vostro figlio è pronto.

Molti bambini, nello sviluppare il controllo alla vescica, attraversano tre fasi:

  • Diventano consapevoli di avere il pannolino bagnato.
  • Si rendono conto di fare pipì e potrebbero informarvi mentre la stanno facendo.
  • Sentono il bisogno di fare pipì e potrebbero dirvelo in anticipo.

Se vostro figlio si trova già alla terza fase l’abitudine all’uso del vasino sarà più veloce.

Che cosa fare

  • Lasciate il vasino in bagno dove il bambino lo possa vedere e capire a cosa serve.
  • Se fa “cacca” sempre alla stessa ora, togliete il pannolino e suggeritegli di usare il vasino.
  • Appena vedete che si rende conto che sta facendo pipì, provate a proporgli di andare in bagno.
  • Dimostrate al vostro bambino che siete soddisfatti e lodatelo quando usa il vasino.
  • Non siate insistenti.
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail